Si è svolta a Salerno la Match Race 2017 per non vedenti e ipovedenti, una manifestazione di rilevanza internazionale che si è protratta per cinque giorni del mese di maggio (dal 16 al 20) nello spazio acqueo tra il porto Masuccio Salernitano e il porto Marina d’Arechi.

Alla competizione hanno preso parte due tra i velisti della Asd Peepul Sport: Antonietta Caruso, non vedente, e Massimo Miranda, ipovedente.

Antonietta, 58enne di Mugnano, ha dedicato all’attività sportiva molte delle sue energie che l’hanno portata ad ottenere numerosi riconoscimenti agonistici, prima col judo e dal 2014 con la vela. Proprio nel 2014 infatti ha ottenuto il titolo di “Campionessa regionale di vela” nella classe “Dream”.

Quest’anno poi la decisione di partecipare al corso di formazione per autonomia in mare realizzato dall’Associazione Homerus Onlus sul lago di Garda, nella località di Bogliaco. Qui Antonietta Caruso e Massimo Miranda hanno partecipato al percorso di sei giorni, dal 2 all’8 aprile, che ha permesso loro di perfezionare l’uso delle boe sonore, imparando a discriminare ancor meglio il loro suono. Non solo, durante la formazione, i due velisti hanno avuto la possibilità di allenarsi in mare sulle meteor, le imbarcazioni utilizzate durante la Match Race di Salerno.

L’esperienza del Campionato Internazionale di Salerno ha rappresentato per i due sportivi un momento di crescita agonistica e di confronto con realtà veliche di tutta Europa. Ma soprattutto, ha rappresentato per i nostri velisti una grande soddisfazione e una enorme gioia, grazie al raggiungimento del secondo gradino del podio per Massimo e del terzo gradino per Antonietta. 

La vela, oltre ad essere un’attività sportiva a beneficio del corpo e della mente, rappresenta per il disabile visivo un momento di reale integrazione sociale poiché rende possibile di partecipare alle regate di flotta gareggiando assolutamente alla pari contro equipaggi composti da normodotati. La competizione ha visto sfidarsi, infatti, due equipaggi composti esclusivamente da atleti non vedenti non accompagnati in un campo di regata allestito con le boe sonore.

Ecco alcune immagini della formazione e della Match Race salernitana:

2 1 3 4 5 6 7 8 9 10 11